Mantova e Sabbioneta

Un breve viaggio di sole due ore di distanza da Milano, è da dedicare, in arricchimento al proprio soggiorno per Expo 2015, alla città Mantova. Centro d’arte rinascimentale che dal 2008, assieme al vicino comune di Sabbioneta, è stato dichiarato Patrimonio dell’Unesco.
Mantova è da scoprire sia a piedi che in bicicletta. Un tour verso il centro storico per visitare il Castello di San Giorgio, dove nella torre Nord-Est si trova la celebre Camera degli Sposi affrescata da Mantegna. A poca distanza in Piazza Sordello si ergono Palazzo Ducale, la residenza ufficiale dei Gonzaga con un enorme patrimonio di affreschi di Giulio Romano, Pisanello e una pala opera di Rubens, il Duomo, il Palazzo Castiglioni, oggi esclusivo B&B, e il Palazzo Vescovile. Altro gioiello mantovano, di cui non si può mancare una visita è il Teatro Bibiena, suggestivo tempio della musica di architettura settecentesca e Palazzo Te, uno dei più illustri capolavori a firma di Giulio Romano commissionato da Federico II di Gonzaga nel 1524 per ospitare ricevimenti di corte, feste e momenti di divertimento, oggi sede del Museo Civico e del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura.
Per una pausa e rilassarsi davanti ad un abbondante aperitivo di certo la Zanzara è il posto ideale. Un chiosco immerso nel verde, dove poter ammirare uno spettacolare tramonto sul Lago Superiore di Mantova. Mentre per gustare piatti tipici e cucinati sull’impronta del libro di cucina ‘L’arte di Ben Cucinar’ di Bartolomeo Stefani, il celebre cuoco dei Gonzaga, a Mantova c’è solo l’imbarazzo della scelta.

A mezz’ora di distanza da Mantova, si trova Sabbioneta, definita, nelle teorie architettonicamente rinascimentali, “la città ideale”. Il centro urbano è circondato da un’imponente cortina muraria, dove all’interno si trovano il Palazzo Ducale, che custodisce la ricca galleria degli Antenati, la Parrocchia di Santa Maria Assunta, con la sua elegante facciata in marmi bianchi e neri, e il Museo d’Arte Sacra, dove si può ammirare lo sfarzoso tesoro dei Gonzaga. Altra visita irrinunciabile è il Teatro all’Antica o Teatro Olimpico, primo esempio di teatro stabile realizzato in epoca moderna e non realizzato su una struttura preesistente. Ultima menzione, ma non per importanza, è lo storico quartiere ebraico con la Sinagoga edificata nel 1824 ancora oggi attiva.

MILAN CITY WALKS